skip to Main Content

5 Cose Non Turistiche da fare a Venezia

Con una quantità ridicola di cose da fare, e un osceno milione di turisti, è una grande idea essere un turista ben organizzato mentre si cercano cose non turistiche da fare a Venezia. L'app Venice City Tour ha degli itinerari…

Prigionieri

Il supplizio dei prigionieri

Il supplizio dei prigionieri Le suppliche dei carcerati Dopo la condanna i prigionieri potevano rivolgere ai magistrati delle Suppliche per agevolare i disagi della detenzione. Tali suppliche implicavano che tali concessioni fossero soggette al pagamento della Pezaria, un importo fissato…

Signori

I signori delle prigioni

I signori delle prigioni nuove di Venezia Le guardie Le guardie erano denominate i Signori dei Prigionieri per la loro brutalità e corruzione nei confronti del trattamento dei prigionieri. Le guardie permettevano miglioramenti nel trattamento dei prigionieri se venivano corrotte…

5 Cose da fotografare a San Marco

Esistono centinaia ci scorci e punti magnifici da immortalare a Venezia, ma ecco a voi 5 cose da fotografare assolutamente. Piazza San Marco, detta da Napoleone “il salotto d’Europa” per la sua maestosità e bellezza vi stupirà per l’unicità delle…

Sarde-saor

Sarde in Saòr – Piatto tipico veneziano

Non si può lasciare Venezia senza aver assaggiato uno dei suoi piatti caratteristici che raccoglie il sapore del suo mare e degli orti delle sue isole: le Sarde in saòr. E’ un piatto popolare, di pochi e umili ingredienti, completo…

Tour Panoramico Di Rialto E San Marco -  -  10

Il Leone & Todaro

Le colonne di Piazza San Marco

Un tempo il bacino di San Marco era la porta sul mare di Venezia e chi giungeva in nave poteva ammirarne il fasto e la potenza rappresentati dalla particolare architettura del Palazzo Ducale e dal molo delimitato da due colonne di marmo e granito sormontate dalle statue dei due patroni delle città: il leone alato, che in origine era una chimera, quale simbolo di San Marco Evangelista e San Tòdaro, il bizantino San Teodoro di Amasea che fu il primo protettore della città.

I Sestieri: la particolarità di Venezia

Una delle tante singolarità di Venezia è la sua toponomastica. La città è infatti divisa in sei zone dette i Sestieri e la numerazione delle case è non per via ma per sestiere, l’indirizzo sarà quindi ad esempio Cannaregio 3027 o Dorsoduro 2451. Questa  suddivisione è antichissima e risale addirittura, secondo Tommaso Temanza al tempo del Dogado Vitale Michiel II, nell’anno 1169 probabilmente a fini tributari e amministrativi.

Il Campanile di San Marco

La costruzione del campanile di San Marco, (in origine faro per i naviganti e forse torre militare) iniziò nel IX sec. sotto il dogado di Pietro Tribuno per arrivare, dopo molti restauri e rifacimenti, all’aspetto definitivo fra il 1511 e il 1514.

Venezia sull’acqua senz’acqua – i pozzi veneziani

I pozzi veneziani: la storia di una città sull’acqua senz’acqua.

Venezia è in acqua et non ha acqua, scriveva Marin Sanudo nel 1500.
Infatti Venezia era circondata dall’acqua salata ma doveva reperire l’acqua potabile e non avendo, per le caratteristiche idro-geologiche, una falda dalla quale attingere, si ingegnò costruendo pozzi per la raccolta dell’acqua piovana. 

Back To Top