skip to Main Content

5 Cose da fotografare a San Marco

Piazza San Marco, detta da Napoleone “il salotto d’Europa” per la sua maestosità e bellezza vi stupirà per l’unicità delle sue vedute e sfondi di carattere storico – architettonico che faranno da quadro perfetto per i vostri scatti. Scopriamo insieme…

Sarde-saor

Sarde in Saor – Piatto tipico veneziano

Non si può lasciare Venezia senza aver assaggiato uno dei suoi piatti caratteristici che raccoglie il sapore del suo mare e degli orti delle sue isole: le Sarde in saòr. E’ un piatto popolare, di pochi e umili ingredienti, completo…

Giro-gondola-privato

Gondola a Venezia: storia, tradizioni ed esperienza

La gondola è la vera essenza di Venezia. Non potete lasciare la città senza averla ammirata da un’altra prospettiva, senza esservi riempiti gli occhi dei magnifici palazzi che si riflettono sui canali, delle luci del crepuscolo che galleggiano sull’ acqua, non potete lasciare Venezia senza aver provato la magia e il relax del farsi cullare almeno una volta nella vita dalla gondola.

Il Bellini

Il Bellini è uno dei cocktail più raffinati, stilosi e preziosi, nonostante la ricetta sia molto semplice: nettare di pesche spumante metodo classico Champagne.

Venezia sull’acqua senz’acqua – i pozzi veneziani

I pozzi veneziani: la storia di una città sull’acqua senz’acqua.

Venezia è in acqua et non ha acqua, scriveva Marin Sanudo nel 1500.
Infatti Venezia era circondata dall’acqua salata ma doveva reperire l’acqua potabile e non avendo, per le caratteristiche idro-geologiche, una falda dalla quale attingere, si ingegnò costruendo pozzi per la raccolta dell’acqua piovana. 

Torcello l’isola bizantina

Torcello era già abitata in epoca romana probabilmente solo come luogo di villeggiatura per i nobili, poi abbandonata a causa dell’impaludamento della laguna circostante. Con l’arrivo dei barbari nel secolo V e VI gli abitanti di Altino fuggirono rifugiandosi dapprima…

Il Bucintoro: la nave d’oro

Sull’origine del nome si sono spese molte pagine, riportiamo qui quella del prof. Siega, “Dizionario del lessico veneto etimologicamente e curiosamente commentato” Finegil editoriale, che ci sembra la più accreditata; il nome deriverebbe da Buzon, Bonzonus che stava per navis; Buzon d’oro o nave d’oro da qui divenne poi il Bucintoro.

L’antica festa della “Sensa”

Era il giorno dell’Ascensione del 997 quando il Doge Pietro Orseolo salpò contro l’Istria e la Dalmazia, conquistandole. A ricordare questa fortunata impresa, che assicura al Doge il titolo di Duca della Dalmazia, si istituisce la più solenne delle feste veneziane, la celebre festa dell’Ascensione, Sensa in veneziano.

Back To Top